lunedì 16 marzo 2015

I quotidiani riportano notizie così istantanee che se vuoi sentirti un contemporaneo devi buttarli via prima di leggere.