sabato 7 novembre 2015

E' nata la nuova costola della sinistra

http://biology.clc.uc.edu/fankhauser/Cheese/Deer_butchering/16_hacksaw_second_rib_strip_DSC_0077.JPG

Nasce oggi al teatro Quirino a Roma «Sinistra italiana», un gruppo alternativo al liberismo da Happy days del governo Renzi


La sinistra sotto sotto non è una mica idea.
No, la sinistra in realtà è una costola perennemente nuova della stessa sinistra che una volta stava a sinistra e poi si è spostata a destra, cioè una ex costola a sinistra di un'altra ex sinistra.
In effetti, che cosa sarebbe la sinistra senza una nuova costola?
Un bel niente, cesserebbe immediatamente di essere una autentica sinistra, si contraddirebbe da sola. E anche una costola senza la sinistra, cosa sarebbe? Niente, sarebbe una costola apocrifa e apolitica. E poi, passiamo al portafoglio, quanto è che costa una costola nuova della sinistra? Per esempio, costa esattamente quanto una costola di destra?
E se costa quanto una costola di destra, che razza di costola di sinistra è?
Allora, scusatemi, questa costola è una casta che costa, è una casta su tetto che scrocca se costa quanto una qualunque costola di maiale appesa alla macelleria sociale che accettiamo ogni giorno, dove esibiscono in vetrina sempre nuove costole di sinistra perché quella lì del giorno prima è stata venduta al migliore offerente e quindi si è spostata più a centro.
E chi non mi dice che perfino questa costola non farà la stessa fine dell'altra, se a comandare è sempre lo stesso macellaio della stessa macelleria sociale?
E se la smettessimo invece di esporre costole di sinistra in vetrina? E se ci mettessimo per una buona volta a produrre davvero sinistra, senza più costola e cioè tanta sana ideologia vegetariana per cercare di chiudere appunto tutte le macellerie sociali esistenti?